banner-lekman-deleo-p

John De Leo e Jens Lekman

banner-lekman-deleo-p

 

Domenica 24 giugno: John De Leo e Jens Lekman a Perugia
Sull’Isola Maggiore sul Lago Trasimeno si esibiranno:
• John De Leo trio : ore 18.30
• Jens Lekman: ore 19.45

JOHN DE LEO TRIO
Il progetto in Duo con il chitarrista Fabrizio Tarroni è uno dei primi connubi musicali di John. Capace d’interpretare la sua Gibson semi-acustica anche come una vera e propria percussione,
Tarroni fonde questa tecnica originale con le idee e la voce eclettica di De Leo. Al collaudato Duo si aggiunge un altro collaboratore storico di John: Franco Naddei (in arte Francobeat)
campiona e manipola i suoni in tempo reale aggiungendo alla matrice acustica un sound complessivo più elettronico.

john de leo > voce, live looping sampler, Karaoke giocattolo, laringofono
fabrizio tarroni > chitarra, voce
franco naddei > manipolazione del suono, chitarra, voce

JENS LEKMAN

Nato a Angered e cresciuto a Göteborg, a quattordici anni inizia a suonare il basso. Inizia però subito a scrivere canzoni con lo pseudonimo Rocky Dennis, preso dal protagonista del film Dietro la maschera.[1] Comincia a produrre la propria musica su CD, mini-album, EP e altri formati per quattro anni a partire dal 2000. Nel febbraio 2004 la Secretly Canadian pubblica l’EP Maple Lovers, costituito da quattro brani accompagnati da violini, archi, campane ed echi. Pochi mesi dopo viene pubblicato il primo album su lunga distanza, ossia When I Said I Wanted to Be Your Dog (2004) che raccoglie del materiale già edito, in cui tuttavia l’autore reinterpreta dei suoi brani.

Nel gennaio 2005 viene pubblicato l’EP The Opposite of Hallelujah, mentre qualche mese dopo (novembre) esce Oh You’re So Silent Jens, in cui sono riproposti i brani presenti nei primi introvabili lavori (Maple Leaves, Julie, You Are the Light e Rocky Dennis In Heaven) pubblicati autonomamente dall’autore ad inizio carriera. Dopo tre anni di tour (con un ensemble di otto elementi) dà alle stampe il suo secondo album, Night Falls Over Kortedala, registrato nel suo studio della sua città natale. Il termine Kortedala, oltre proprio al suo studio, si riferisce anche a un suono pop con accenni di tropicalia, diffuso in quegli anni in Svezia. Ad accompagnarlo in questo disco ci sono altri due esponenti del pop svedese, ossia Frida Hyvönen e El Perro del Mar. Il disco, divertente e romantico al tempo stesso, dà però l’avvio ad un periodo di appannamento. Inoltre, tra il 2007 ed il 2010 collabora con numerosi artisti, tra cui Vapnet, Tracey Thorn, The Ladybug Transistor, Montt Mardie e Javiera Mena.

Ritorna sulle scene nel 2011 con l’EP An Argument With Myself. Nel settembre 2012 rilascia il terzo disco, I Know What Love Isn’t, una sorta di concept album sulla solitudine, intesa come mancanza dell’amore.

Nei primi giorni del 2017 viene annunciato un nuovo disco di inediti con uscita prevista il 17 febbraio, titolo Life Will See You Now. A supporto del disco viene annunciato anche un tour comprendente due date in Italia (Bologna e Roma).