Abbiate pietà di mio figlio. Le lettere ritrovate dei deportati ebrei al Velodromo d'Inverno

Fondazionesergioperlamusica.it Abbiate pietà di mio figlio. Le lettere ritrovate dei deportati ebrei al Velodromo d'Inverno Image
DESCRIZIONE
Quello che i parigini chiamavano Vél d'Hiv, il Velodromo d'Inverno, era un edificio dedicato allo sport, capace di contenere 17.000 spettatori. Un tempio consacrato allo svago nel cuore della città. Quanto di più stridente con l'uso ignobile cui fu piegato quando vi furono ammassati migliaia di inermi cittadini ebrei destinati alla deportazione: il rastrellamento del 16 e 17 luglio 1942, infatti, è uno degli episodi più vergognosi e tragici della Seconda guerra mondiale. Per ordine del governo di Vichy, 3.031 uomini, 5.802 donne e - fatto mai accaduto prima - 4.051 bambini vengono strappati dalle loro case e rinchiusi nello stadio. In condizioni disumane, fra i disagi, la disperazione, qualcuno riesce a scribacchiare una lettera che, grazie alla buona volontà di qualche carceriere, arriva a destinazione. Sono messaggi essenziali attraverso i quali conosciamo la quotidianità della prigionia. Alcuni traboccano di speranza: sono quelli di chi, ignaro della propria sorte, osa pensare al futuro; molti altri, invece, vanno dalla preoccupazione alla consapevolezza di un non ritorno. E alcuni, i più toccanti, sono quelli che danno voce allo strazio per i più piccoli: la madre che affida il figlio a degli sconosciuti, il fratello maggiore che si angoscia per il pianto del fratellino, la ragazzina che chiede perdono ai suoi cari per chissà quali mancanze. "Abbiate pietà di mio figlio" raccoglie queste sconvolgenti lettere, riunite qui per la prima volta. Prefazione di Tatiana de Rosnay.

Abbiamo conservato per te il libro Abbiate pietà di mio figlio. Le lettere ritrovate dei deportati ebrei al Velodromo d'Inverno dell'autore Richiesta inoltrata al Negozio in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web fondazionesergioperlamusica.it in qualsiasi formato a te conveniente!

INFORMAZIONE
NOME DEL FILE
Abbiate pietà di mio figlio. Le lettere ritrovate dei deportati ebrei al Velodromo d'Inverno.pdf
AUTORE
Richiesta inoltrata al Negozio
DIMENSIONE
10,30 MB
SCARICARE LEGGI

Lettura di lettere da "Abbiate pietà di mio figlio. Le lettere ritrovate dei deportati ebrei al velodromo d'inverno", a cura di Karen Taieb, Sperling & Kupfer, 2012. € Il materiale di approfondimento verrà fornito ai docenti di Italiano e Storia nei prossimi giorni. € Il Dirigente Scolastico Francesco Merici

Taieb,Abbiate pietà di mio figlio: raccoglie le lettere ritrovate dei deportati ebrei al Velodromo d'Inverno, a Parigi, dove nel luglio del 1942 furono rinchiusi, da poliziotti francesi, circa 13mila ebrei destinati alla deportazione.

LIBRI CORRELATI
Elementi di farmacologia. Compendio per l'esame
Manuale di vela
Jukebox
La tradizione del comico
Prova con una storia. I racconti giusti per rispondere alle grandi domande dei bambini
Dinamiche giuridiche nella società dell'informazione. Tra privacy e sicurezza
Skeleton Creek
Il giorno che aspettiamo
Il principio di variabilità nell'oggetto del giudizio
Metodi statistici di base e avanzati per le scienze sociali
La cucina di Marco Polo
Leica format