Credereoggi. Vol. 224: 50 anni dopo «Humanae vitae».

Fondazionesergioperlamusica.it Credereoggi. Vol. 224: 50 anni dopo «Humanae vitae». Image
DESCRIZIONE
Chiesa, amore e vita: a 50 anni (25 luglio del 2018) da "Humanae vitae" (1968) è cambiato qualcosa? La rivista - una delle poche che dedica un'intera monografia all'evento - non intende entrare nel dettaglio delle questioni sessualità, generazione e famiglia (paternità responsabile e metodi naturali), ma discute l'orizzonte antropologico e teologico entro il quale vanno comprese e ripensate per oggi. Papa Francesco è prete dopo "Humanae vitae" e ben conosce tutta la vicenda e i successivi sviluppi, per cui quando ci dice che occorre inquadrare le questioni morali, ecclesiali e sociali classiche con uno sguardo non idealizzato (ma nemmeno ideologicizzato) circa la realtà dell'essere umano non sta dicendo sciocchezze eterodosse. Dopo "Amoris laetitia" la discussione è in corso, il discernimento da parte del corpo ecclesiale nel suo insieme è in divenire. C'è tuttavia ancora molto bisogno da parte della teologia di pensare e di riflettere nell'orizzonte della fede. Dopo un affondo storico e una riflessione circa la recezione presso il popolo di Dio (e in particolare in America latina), si passa a una disamina profonda dell'impianto antropologico dell'enciclica, della riflessione magisteriale fino ad "Amoris laetitia". La riflessione sull'amore coniugale sta al centro del fascicolo, compresa una attenta disamina sull'asimmetria tra maternità e paternità.

Abbiamo conservato per te il libro Credereoggi. Vol. 224: 50 anni dopo «Humanae vitae». dell'autore Richiesta inoltrata al Negozio in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web fondazionesergioperlamusica.it in qualsiasi formato a te conveniente!

INFORMAZIONE
NOME DEL FILE
Credereoggi. Vol. 224: 50 anni dopo «Humanae vitae»..pdf
AUTORE
Richiesta inoltrata al Negozio
DIMENSIONE
5,97 MB
SCARICARE LEGGI ONLINE

Credereoggi. Vol. 224: 50 anni dopo «Humanae vitae»: Chiesa, amore e vita: a 50 anni (25 luglio del 2018) da "Humanae vitae" (1968) è cambiato qualcosa?La rivista - una delle poche che dedica un'intera monografia all'evento - non intende entrare nel dettaglio delle questioni sessualità, generazione e famiglia (paternità responsabile e metodi naturali), ma discute l'orizzonte antropologico ...

Negli effervescenti anni Settanta, le sorelle Ribelli hanno tra i quindici e i ventun'anni. Jeanne, la prima, spinta dal desiderio di emancipazione di tutta la sua generazione, è convinta che potrà realizzarsi solo a Parigi, lontano dal piccolo borgo della Francia del sud dove sono nate.

LIBRI CORRELATI
Omeopatia per bambini
Bimbi colorati
Via Appia. Strada di imperatori soldati e pellegrini. Guida al percorso e agli itinerari
Il Parco dei fiumi Lemene, Reghena e dei laghi di Cinto
Bescherelle poche orthographe. Per la Scuola elementare
La prevenzione integrata dell'inquinamento e la gestione ambientale d'impresa. Applicazione della direttiva IPPC/IED ed effetti sulle imprese
Morte nei boschi
Corso di neoegiziano. Con elementi e nozioni di scrittura ieratica
Pompei e Santorini. L'eternità in un giorno. Catalogo della mostra (Roma, 11 ottobre 2019-6 gennaio 2020). Ediz. illustrata
Lirici del Cinquecento
Lettere a Felice (1912-1917)
Tarzan. Gli anni di Joe Kubert. Vol. 1
Una storia della giustizia. Dal pluralismo dei fori al moderno dualismo tra coscienza e diritto
La contaminazione ambientale ed il degrado dei materiali di interesse storico-artistico
Il diavolo. Un'inchiesta contemporanea
Poesie (1970-1983)
Curzio Malaparte la letteratura crudele. Kaputt, La pelle e la caduta della civiltà europea
Odissea embrionale. Fecondazione in viro, eterologa e surroga di gravidanza: problemi di salute, giuridici e sociali
Ricerca educativa e formazione. Contaminazioni metodologiche