Malacarne. Donne e manicomio nell'Italia fascista

Fondazionesergioperlamusica.it Malacarne. Donne e manicomio nell'Italia fascista Image
DESCRIZIONE
Un saggio sull'uso degli ospedali psichiatrici come strumento per attaccare e controllare i comportamenti femminili considerati trasgressivi «Un lavoro straordinario, quello portato a compimento da Annacarla Valeriano, che ha passato in esame le cartelle cliniche delle ricoverate nel manicomio Sant'Antonio Abate di Teramo, a partire dall'ultimo decennio dell'Ottocento fino al 1950, per definire un "percorso dell'esclusione" assai particolare» – Paolo Mieli, Il Corriere della Sera A quarant'anni dalla legge Basaglia, che ha sancito la chiusura dei manicomi, riemergono le storie e i volti di migliaia di donne che in quei luoghi hanno consumato le loro esistenze. In questo libro sono soprattutto donne vissute negli anni del regime fascista: figure segnate dal medesimo stigma di diversità che, con le sue ombre, ha percorso a lungo la società, infiltrandosi fin dentro i primi anni del l'Italia repubblicana. All'istituzione psichiatrica fu consegnata, dall'ideologia e dalla pratica «clinica» del fascismo, la «malacarne» costituita da coloro che non riuscivano a fondersi nelle prerogative dello Stato. Su queste presunte anomalie della femminilità, il dispositivo disciplinare applicò la terapia della reclusione, con la pretesa di liberarle da tutte quelle condotte che confliggevano con le rigide regole della comunità di allora. La possibilità di avvalersi del manicomio al fine di medicalizzare e diagnosticare in tempo «gli errori della fabbrica umana» non fece che trasformare l'assistenza psichiatrica in un capitolo ulteriore della politica sanitaria del regime.

Abbiamo conservato per te il libro Malacarne. Donne e manicomio nell'Italia fascista dell'autore none in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web fondazionesergioperlamusica.it in qualsiasi formato a te conveniente!

INFORMAZIONE
NOME DEL FILE
Malacarne. Donne e manicomio nell'Italia fascista.pdf
AUTORE
none
DIMENSIONE
4,93 MB
SCARICARE LEGGI

(archivio disegni napolimonitor) La storia delle donne internate nei manicomi è ancora tutta da scrivere. Per questo assume grande importanza il lavoro di Annacarla Valeriano, Malacarne, donne e manicomio nell'Italia fascista (Donzelli, 2017) che documenta "in che modo la nostra società ha saputo impiegare l'esclusione per farne un contenitore in cui depositare […] la propria ...

Un «percorso» che inizia, ovviamente, ben prima della marcia su Roma, ma che — come vedremo — trova il suo culmine ideologico proprio nel ventennio mussoliniano. Ne è venuto fuori un libro prezioso, Malacarne. Donne e manicomio nell'Italia fascista (Donzelli), che, è prevedibile, verrà discusso con grande interesse.

LIBRI CORRELATI
Le confessioni lette da Alessandro Preziosi. Audiolibro. Con CD Audio
Elementi di biologia e genetica
Codamozza e il professore. Ediz. illustrata. Vol. 1: Corso per diavoli e angeli custodi. Contiene 10 comandamenti.
Guida ai vini d'Italia bio 2012
Vocazioni (2020). Vol. 1: Spingi lo sguardo.
Marvel masterworks
Mare loro
Corte marziale
Baldassarre Longhena 1597-1682
Chiaroscuri dell'identità. Sessuazione, sesso e genere. Una lettura psicoanalitica
Mappa di Verona illustrata. Con adesivi
Il prisma Binswanger. Lo psichiatra che amava i filosofi
La nozione costituzionale di materia penale
I misteri della mente. Viaggio al centro dell'uomo
Mani padamadan
Istruzioni per l'U.S.A.
Europe. La Russia come frontiera
Il lavoro in un'impresa di valore. Le cooperative di produzione e lavoro in Italia