Ravel e l'anima delle cose

Fondazionesergioperlamusica.it Ravel e l'anima delle cose Image
DESCRIZIONE
È la fine del 1937 quando, al termine della rappresentazione di Daphnis et Chloé, Maurice Ravel singhiozza: «Ho ancora tanta di quella musica in testa, non ho ancora detto nulla, ho ancora così tanto da dire». Ravel non è più quello di un tempo, non è più in grado di esprimere tutto quello che dentro di lui chiede a gran voce di prendere forma. Mancano pochi giorni, poi la morte porrà fine alla disperazione. Freddo cultore della perfezione secondo i detrattori, compositore di magnifica invenzione musicale per gli estimatori, Ravel aveva trionfato sulle scene Francesi e d'oltreoceano. La gentilezza e il portamento avevano fatto di lui un perfetto dandy, il nitore della sua opera aveva allontanato dalla sua figura ogni sospetto di fatica creativa e complessità interiore. Eppure Maurice Ravel nascondeva in sé, e tuttora nasconde, qualità che solo la musica riesce a svelare. Affasscinato da quell'umanissimo processo di trasmissione grazie al quale il tatto, la vista e l'uso quotidiano infondono un'anima alle cose, Ravel aveva popolalo la sua musica di oggetti cui aveva dato voce. I meccanismi che si muovono nella bottega dell'orologiaio Torquemada nell'"Heure espagnole"e i mobili che arredano la casa in cui si svolge la vicenda dell'"Enfant et les sortilèges" sono parte di questo processo, che si spinge verso un orizzonte che solo un poeta come Proust è stato in grado di indagare con pari profondità. È questo orizzonte, questo Ravel, che Enzo Restagno cerca.

Scarica l'e-book Ravel e l'anima delle cose in formato pdf. L'autore del libro è Enzo Restagno. Buona lettura su fondazionesergioperlamusica.it!

INFORMAZIONE
NOME DEL FILE
Ravel e l'anima delle cose.pdf
AUTORE
Enzo Restagno
DIMENSIONE
9,32 MB
SCARICARE LEGGI

Acquista online il libro Ravel e l'anima delle cose di Enzo Restagno in offerta a prezzi imbattibili su Mondadori Store.

Eppure Maurice Ravel nascondeva in sé, e tuttora nasconde, qualità che solo la musica riesce a svelare. Affascinato da quell'umanissimo processo di trasmissione grazie al quale il tatto, la vista e l'uso quotidiano infondono un'anima alle cose, Ravel aveva popolato la sua musica di oggetti cui aveva dato voce.

LIBRI CORRELATI
La caduta dell'angelo. Giacomo C.. Vol. 1
Gli standard dello IASB nel sistema contabile italiano
La Luisa
Io & Marley
Risorsa a chi? Valorizzare le persone per migliorare le performance aziendali
Come fili di seta
Lettera a un giovane calciatore
La storia del mondo in dodici mappe
Autobiografie immaginarie. Fiction e cura di sé
Uscire dal tunnel. Dalla dipendenza da pornografia all'integrità
Bombe a inchiostro
Storia di Argo