Auschwitz dopo Auschwitz. Politica e poetica di fronte alla Shoah

Fondazionesergioperlamusica.it Auschwitz dopo Auschwitz. Politica e poetica di fronte alla Shoah Image
DESCRIZIONE
Tra divieto e provocazione si muove il famoso verdetto di Theodor Wiesengrund Adorno del 1949 per il quale "scrivere poesia dopo Auschwitz è un atto di barbarie". Il volume raccoglie testi di diversi studiosi che si sono confrontati (direttamente o indirettamente con la controversa sentenza adorniana, analizzandola in una prospettiva interdisciplinare attraverso le lenti di filosofi, scrittori, poeti, intellettuali, in un passo incrociato tra il poetico e il politico. Si possono quindi analizzare e confrontare le risposte al verdetto di Adorno da parte di autori come Jean Amery, Günther Anders, Hannah Arendt, Paul Celan, Günter Grass, Victor Klemperer e Primo Levi, misurando così anche la portata delta frase lapidaria nel tentativo di leggere Auschwitz dopo Auschwitz. A coronare il volume un breve scritto di Günther Anders, dal titolo Nach Auschwitz ("Dopo" Auschwitz, ma anche "Secondo" Auschwitz, 1982), che testimonia la sua tarda replica ad Adorno. Testi di: Raut Calzoni, Matteo Cavalieri, Francesco Ferrari, Micaela Latini, Stefano Marino, Fausto Pellecchia, Francesca Romana Recchia Luciani, Erasmo Silvio Storace, Alberto Tommasi.

Leggi il libro Auschwitz dopo Auschwitz. Politica e poetica di fronte alla Shoah PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su fondazionesergioperlamusica.it e trova altri libri di Richiesta inoltrata al Negozio!

INFORMAZIONE
NOME DEL FILE
Auschwitz dopo Auschwitz. Politica e poetica di fronte alla Shoah.pdf
AUTORE
Richiesta inoltrata al Negozio
DIMENSIONE
10,89 MB
SCARICARE LEGGI ONLINE

E dunque non solo dopo s'è fatta e si farà, dentro e dopo tutte le Auschwitz che abbiamo intorno e in noi stessi, ma se c'è un senso nell'arte è proprio nel permanere come traccia umana ...

Tra divieto e provocazione si muove il famoso verdetto di Theodor Wiesengrund Adorno del 1949 per il quale "scrivere poesia dopo Auschwitz è un atto di barbarie". Il volume raccoglie testi di diversi studiosi che si sono confrontati (direttamente o indirettamente con la controversa sentenza adorniana, analizzandola in una prospettiva interdisciplinare attraverso le lenti di filosofi ...

LIBRI CORRELATI
L' opposizione parlamentare in Italia. Dall'antiberlusconisrno all'antipolitica
Il libro dei colori
Il commissario distrettuale nel Veneto asburgico. Un funzionario imperiale tra mediazione politica e controllo sociale (1819-1848)
Chaucer. Guida ai «Canterbury Tales»
Disegni di ricerca in psicologia clinica. Metodi quantitativi, qualitativi e misti
Diventare grill master
Il terzo occhio
Pirandello e la Sicilia
Val Masino. Le più belle escursioni. Ediz. italiana e tedesca
Gli arditi della grande guerra. Origini, battaglie e miti
La sicurezza nei luoghi di lavoro e jobs act. Con formulario
Il disordine dei mercati. Una visione frattale di rischio, rovina e redditività
Perché la famiglia? Le risposte della sociologia relazionale
Castelli e tesori d'arte della media valle dell'Aterno. Fossa, Ocre, S. Demetrio ne' Vestini, S. Eusanio Forconese, Villa S. Angelo