Toro delle meraviglie

Fondazionesergioperlamusica.it Toro delle meraviglie Image
DESCRIZIONE
Italia, 1946. Le tracce della guerra sono ancora profonde, ma nel Paese si avverte l'allegria di un mondo che, dopo tanto orrore, si scopre ancora vivo e ha voglia di ricominciare. E il Toro, il grande Toro capitanato da Valentino Mazzola, è uno dei simboli di quel fermento. Capace di scatenare forti entusiasmi, passioni intense, come quella che spinge il giornalista trentenne Manlio Cancogni a farsi centotrenta chilometri in bicicletta, da Fiumetto all'Ardenza, andata e ritorno, per veder giocare il Torino delle meraviglie, la più bella squadra mai vista. Livorno-Torino: zero a tre. Indimenticabile. Quel viaggio su due ruote oggi è l'occasione per lo scrittore, grande amante del calcio, di rievocare l'Italia del dopoguerra: il silenzio e la solitudine della città di Pisa ferita dalle bombe, la base americana, il campo dei prigionieri tedeschi di Tombolo e il devastato centro storico di Livorno contrapposti al fragore dello stadio dove la squadra granata, con le sue prodezze, riesce a far dimenticare tutte le miserie. Poi gli anni di Roma, quando Cancogni è al settimanale Mondo d'Oggi, e con lui ci sono il direttore Giorgio Bassani, Carlo Laurenzi e il pittore Valentino, e tutti, chiuso l'ufficio, andavano a Villa Borghese a tirare due calci al pallone con i ragazzi del quartiere. Una storia dove vita e calcio s'intersecano, diventano l'una lo specchio dell'altro, per raccontare un Paese che non c'è più.

Abbiamo conservato per te il libro Toro delle meraviglie dell'autore Manlio Cancogni in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web fondazionesergioperlamusica.it in qualsiasi formato a te conveniente!

INFORMAZIONE
NOME DEL FILE
Toro delle meraviglie.pdf
AUTORE
Manlio Cancogni
DIMENSIONE
7,91 MB
SCARICARE LEGGI

Nel Paese delle Meraviglie. Nel romanzo di Carroll, "fermare il tempo" avviene in maniera molto diversa. Il Cappellaio e la Lepre sono eternamente sospesi alle cinque del pomeriggio, nondimeno continuano a muoversi, a bere il tè, e addirittura discutono con Alice di vari argomenti.

Generalità. Eriophyes sheldoni è diffuso nelle aree agrumicole e attacca principalmente il limone e in particolare vengono colpite di più le varietà interdonato e monachello. L'acaro delle meraviglie, invisibile ad occhio nudo, vive tutto l'anno in luoghi protetti all'interno delle gemme, tra le perule e sotto la rosetta dei frutticni.

LIBRI CORRELATI
Dimmi, dammi, fammi. Uomini stracciati dalle donne
Brownie e barrette
Le origini del regno della fantasia
La sala degli specchi: comunicazione e psicologia gruppale. Strumenti di lavoro per la comunicazione di gruppi in ambito psicoterapeutico e psicosociale
L' integrale di Martin Mystère. Vol. 4: triangolo delle Bermude, Il.
Colora l'Africa. Con stickers. Ediz. illustrata
Correspondance
Kit concorso 30 consiglieri parlamentari: Manuale per la prova selettiva-Quiz per la prova selettiva. Con software di simulazione
La pazienza del ragno
La cura degli altri. Seminari di etnopsichiatria
Chissà...
Cloud computing. Aspetti contrattuali, risvolti normativi e tutela della privacy
Non sfidarmi
Bianco
Psicologia delle tossicodipendenze
Comunicare con l'utente
Empatia, accoglienza, congruenza. Il metodo non direttivo di Carl R. Rogers nella relazione educativa
Il grande libro delle frittate
2012. L'uomo al bivio